loader
Premio Voci dall’Abbazia: fra i vincitori il nizzardo Orazio Abbate

Premio Voci dall’Abbazia: fra i vincitori il nizzardo Orazio Abbate

Premio Voci dall’Abbazia: fra i vincitori il nizzardo Orazio Abbate

Casalvecchio Siculo. La I edizione del concorso letterario “Voci dall’Abbazia” ha avuto il suo lieto epilogo nella serata di sabato 30 luglio presso l’Abbazia dei SS. Pietro e Paolo d’Agrò.

L’evento organizzato dal Comune di Casalvecchio Siculo con il patrocinio dei Lions Club Letojanni Val d’Agrò, dell’Archeoclub e dall’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani ha fatto registrare un copioso numero di partecipanti e un livello qualitativo delle opere presentate di notevole spessore. Quattro erano le sezioni previste, ciascuna con una giuria specializzata: 1) Poesia in Lingua Italiana; 2) Narrativa; 3) Poesia in Lingua Siciliana; 4) Saggistica/Reportage.

I giurati, coordinati dal Presidente Gianni Bonina, hanno così deciso dopo aver visionato gli elaborati frutto della verve letteraria di poeti e scrittori pervenuti da ogni parte del territorio nazionale:

- Poesia in Lingua Italiana (giuria: Mariapia Crisafulli, Nina Foti, Melina Patanè); si è aggiudicato il Primo Premio Paola MACCIONI di Parma. 2° Classificato Damiano MACCARRONE (Catania), 3° Classificato Luigi Antonio PILO (Messina). Una menzione di merito è stata riservata al messinese Carmelo Nicita.

- Narrativa (giuria: Giuseppe De Luca, Rachele Gerace, Fortunata Trovato), il primo posto se lo è aggiudicato Rolando PERRI proveniente da Cosenza. 2° Classificato Sebastiano SCORDATO (Messina), 3° Classificato Giusi BAGLIERI (Catania). Menzione di merito a Ambra STANCAMPIANO di Messina.

- Poesia in Lingua Siciliana (giuria: Enrico De Lea, Angela Mazzeo, Santo Puzzolo), il Primo Premio, Targa Domenico Calabrò, è andato a Orazio ABBATE di Nizza di Sicilia (ME). Menzione di merito al catanese Santo PRIVITERA.

- Saggistica/Reportage (giuria Nino Calabrò, Santo Lombardo e Giovanna Musso), Premio "Lillo Freni" a Salvatrice GARUFI (Liceo Classico “Caminiti-Trimarchi”). Menzione Speciale a: Laura PANETTA (I.T.E Jaci), Emanuele SCAGLIOLA (I.T.E Jaci), Ludovica SCARCELLA (Liceo Classico “Caminiti-Trimarchi”). Menzione Speciale “Poeta in Erba” a: Sara MONTIGLIO (ALESSANDRIA) e ad Antonio VITANZA (CATANIA). Menzione Speciale “Poeta d’Oltre Mare” a Salvatore D’APRANO.

I meriti della grande riuscita del concorso, che senza dubbio, avrà una seconda edizione nell’estate del prossimo anno, sono da compartire in primis fra tutti i concorrenti, che hanno fatto giungere le loro opere da ogni parte d’Italia e poi fra i giurati, fra chi si è occupato del service, l’Amministrazione Comunale, in particolare il Sindaco Dott. Marco Saetti e l’Assessore alla Cultura Roberta Moschella, il Prof. Santi Puzzolo e quanti si sono fattivamente prodigati per il buon risultato della manifestazione. Il loro merito è anzitutto quello di aver veicolato la cultura del territorio avendo tra l’altro posto come primario intento quello di unire l’aspetto meramente letterario del concorso con l’architettura, la pittura, la musica e le tradizioni legate al territorio posto che, fra l’altro, il concorso si innesta nel più ampio Festival Bizantino-Arabo-Normanno, un palinsesto culturale a 360 gradi.

Come riportato nel titolo si evidenzia l’affermazione nella sezione Poesia in Lingua Siciliana, con lirica dal titolo “Unni Siti”, di Orazio Abbate di Nizza di Sicilia, molto noto nella riviera ionica messinese, per la sua versatilità artistica che lo ha condotto negli anni ad affermarsi come autore di commedie brillanti teatrali (fra le altre citiamo “U Baruni di Butti China”, “Pi ll’anima di Motti”, “U Sciabbacotu” e “U Sinnicu i Tutti”), di poesie sia in lingua che in vernacolo, di scenette e farse teatrali, racconti, testi di canzoni e musical (“Brisci e Scura”, “Flash..chiudi gli occhi e apri il cuore”, “Vuci..i Ciumara”) esibendosi per lo più con la compagnia teatrale “I Comunali” e con la “Bottega degli Attori” in gran parte dei comuni del comprensorio ionico-messinese. Abbate vanta già al suo attivo anche altre affermazioni in concorsi di poesia essendosi classificato primo anche a Roccalumera nel 2009 e 2010 in concorsi organizzati dall’Associazione “E Berta Filava”e, sempre nel 2010, a Pagliara nell’ambito del Premio Nazionale di Poesia Tarc.

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice P9K qui sotto: