loader
Affitti, torna il contanti. Marcia indietro. Niente sanzioni.

Affitti, torna il contanti. Marcia indietro. Niente sanzioni.

Il canone di affitto potrà essere pagato in contanti nel 2014. Con una nota del Tesoro pone il limite al pagamento dei contanti solo per importi superiori ai 1000 euro, riabilitando dunque la normativa antiriciclaggio. Il dipartimento del Tesoro, quindi, vanifica la legge di stabilità in merito alla tracciabilità dei canoni di locazione per le abitazioni.

Cancellata la norma appena entrato che fissava l'obbligo di pagamento con mezzi tracciabili per i canoni di locazione abitativi anche per importi inferiore ai 1000 euro. Questa novità riguardante gli affitti sarà sicuramente ben accolta soprattutto dagli anziani e da coloro che non erano in possesso di un conto corrente. Tutto come prima. Nessuna multa o sanzione per chi nel 2014 avesse ricevuto o pagato il canone d'affitto in contanti. Per tracciare un affitto di casa in contanti basterà una semplice ricevuta che attesti l'avvenuto pagamento. Discorso a parte per gli studenti fuori sede. L'obbligo di tracciabilità del pagamento riguarderà i pagamenti ricevuti dal singolo locatario e non l'ammontare complessivo del canone. Per essere più chiari facciamo un esempio ipotizziamo un canone complessivo di 1700 euro. Nel caso in cui l'abitazione sia occupata da un singolo studente, è necessario il pagamento tracciato (bonifici, assegni, ecc.). Invece se l'immobile è occupato da più inquilini, e il canone sarebbe diviso in quote da 425,00 a testa, nessuna sanzione per il pagamento in contanti.

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice Q0P qui sotto: