Bonus mobili, ecco come ottenere la detrazione.

Bonus mobili, ecco come ottenere la detrazione.

Bonus mobili, ecco come ottenere la detrazione.

Il nuovo bonus mobili mette a disposizione 10 mila euro per arredare la casa. Ovvero letti, armadi, divani, librerie, poltrone, cucine, grandi elettrodomestici possono essere buttati via e godere dell'incentivo Irpef del 50% sui nuovi acquisti effettuati a partire dal 6 giugno scorso. Decisione che avete sempre rimandato perchè la crisi morde e le incertezze del futuro sono tante.

Adesso con gli sgravi potrete condedervi qualche spesa in più per l'arredamento, purchè destinato alla stessa abitazione, di cui avete avviato lavori di ristrutturazione edilizia che godono a loro volta delle detrazioni del 36-50 per cento. Una semplice tinteggiatura, quindi non sarebbe sufficiente, perchè considerata manutenzione ordinaria. E' considerata spesa straordinaria anche la sostituzione di una finestra o il rifacimento dell'impiato elettrico o le opere per la sicurezza domestica (installazione di una porta blindata). L'agevolazione si applica anche sugli acquisti dei grandi elettrodomestici (lavatrici, frigoriferi e congelatori, forni) purche siano ad alta efficienza energetica. Lo sconto si recupera in 10 rate annuali di uguale importo ed è sempre obbligatorio pagare con bonifico “parlante” postale o bancario. Si può ottenere il bonus anche in caso di interventi di manutenzione iniziati prima del 6 giugno 2013, ma ancora in corso durante quella data. Dovrebbe essere esclusi prodotti come lampade, lampadari, tende. La definizione di mobili nel decreto attuativo non è stata precisata. Si attendono chiarimenti. Il bonus è cumulabile con l'agevolazione principale, quindi in aggiunta ai 96 milaeuro. In ultimo la fattura deve contenere la normale indicazione dei prodotti acquistati.

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice EG9 qui sotto: